• Certificazioni Salute e Sicurezza e Gestione Ambientale •

Cosa significa essere certificati UNI EN ISO 14001:2015?

Questo standard specifica i requisiti di un sistema di gestione ambientale che un’azienda deve applicare per sviluppare le proprie prestazioni ambientali. Per definire il sistema di gestione conforme alla ISO 14001:2015, Dimensione Sicurezza ha dovuto dimostrare di avere un’approfondita conoscenza di aspetti ambientali (emissioni, uso risorse), comprensione del quadro legislativo e valutazione della significatività degli impatti, oltre che definire una politica aziendale responsabile in materia ambientale.

Le fasi di verifica da superare per ottenere la certificazione sono state le seguenti:

  • Analisi ambientale: l’Azienda deve avere sia una consapevolezza degli aspetti ambientali impattati dal proprio operato (uso risorse, smaltimento rifiuti tossici,…), sia dimostrare che effettivamente li gestisca in modo proattivo.
    Per quanto riguarda Dimensione Sicurezza alcuni esempi che possiamo citare vanno dallo 
    smaltimento delle batterie a quello degli estintori, fino alla raccolta differenziata, la costante sfida nella riduzione dell’uso di plastica, dagli imballaggi alle tazzine del caffè dei dipendenti, in ceramica o compostabili, fino all’utilizzo di pannelli solari, per ottenere l’energia elettrica pulita risparmiando.

  • Organizzazione: l’Azienda deve dimostrare di aver definito una politica aziendale tale da dimostrare impegno costante e monitorato.
    Noi abbiamo dimostrato di essere in grado di adempiere ai compiti grazie al nostro manuale interno, al supporto costante tramite 
    corsi formativi per specializzati per ogni tipo di dipendente, consentendo la prevenzione degli incidenti, che possono provocare costi impliciti, e grazie al monitoraggio costante dei nostri attrezzi, il quale assicura il corretto funzionamento di questi ultimi, oltre che il risparmio, in quanto si evita di acquistare inutilmente di nuovi.

  • Pianificazione: l’azienda deve dimostrare di aver pianificato il funzionamento della Gestione Ambientale nel lungo termine, valutanto i rischi e le opportunità all’interno dell’organizzazione e che sappia identificare potenziali situazioni di emergenza, pianificando le relative risposte, nonché essere pronta ad adempiere agli impegni legali e di altro tipo richiesti.

  • Documenti: l’Azienda deve garantire che la gestione di tutte le risorse per il corretto funzionamento del sistema di gestione ambientale abbia documenti classificati che attestino i requisiti relativi alla competenza, alla consapevolezza, alla comunicazione ed al controllo delle informazioni. Per questa ragione Dimensione Sicurezza ha dimostrato di avere un archivio perfettamente aggiornato riguardo ogni tipo di competenza richiesta.

  • Valutazione delle prestazioni: l’azienda deve attestare di aver effettuato monitoraggi costanti, come soddisfazione dei clienti, misurazione dei processi, la valutazione della conformità ambientale, gli audit interni e il riesame del SGA da parte della Direzione.

Cosa significa essere certificati OHSAS 18001:2007?

Questo standard specifica i requisiti che un’azienda deve dimostrare di avere per gestire responsabilmente i rischi. Va sottolineato che per Salute e Sicurezza del lavoro si intendono condizioni e fattori che influenzano, o potrebbero influenzare, la salute e la sicurezza non solo dei lavoratori dipendenti ma anche di altri lavoratori, personale dei contrattori, visitatori ed ogni altra persona nell’ambiente di lavoro.

Per essere idonea agli standard, Dimensione Sicurezza ha dovuto dimostrare requisiti come:

  • Formazione e addestramento del personale;

  • Definizione di compiti e responsabilità;

  • Adozione di una politica per la gestione della sicurezza;

  • Gestione controllata della documentazione;

  • Preparazione di misure atte a individuare, prevenire e controllare possibili eventi accidentali ed emergenze;

  • Individuazione e valutazione dei rischi e pericoli connessi alle attività svolte da terzi presso il sito dell’organizzazione.

Perchè ci siamo sottoposti a queste verifiche?

  • Per certificare ufficialmente il nostro impegno.
    Assicurare i propri clienti di essere interessati ad una evidente gestione degli impatti ambientali, è un gesto che non tutte le aziende dimostrano.

  • Per migliorare il controllo dei costi.
    Avere consapevolezza dei costi di utenze e materiali ci ha invitato ad adottare soluzioni di risparmio, in termini energetici e di materiali in ingresso, riducendo inoltre incidenti, a causa dei quali un’azienda può essere soggetta a costi dovuti alla propria responsabilità.

  • Utilizzare un processo decisionale basato sull’evidenza.

    Assicurandosi di utilizzare dati precisi e documentati, sui quali basare le proprie decisioni su cosa migliorare, si possono aumentare notevolmente le probabilità che i miglioramenti abbiano successo al primo colpo, invece di collezionare numerosi tentativi falliti.

    Inoltre, utilizzando questi dati per tenere traccia dei progressi, è possibile correggere queste iniziative di miglioramento prima che vadano “fuori dai binari”, risparmiando così tempo e denaro.

  • Creare una cultura del miglioramento continuo.

    Con uno stile di leadership proattivo e consapevole si può lavorare per migliorare i processi e ridurre l’impatto ambientale in modo sistematico, al fine di migliorare la propria immagine pubblica e, potenzialmente, ridurre i costi sopra identificati. Quando si crea una cultura del miglioramento, le persone sono sempre alla ricerca di modi per rendere migliori i propri processi, il che rende più facile il mantenimento di un SGA.

  • Motivare il proprio personale.
    Dovendo scegliere tra lavorare per un’azienda che mostra interesse e preoccupazione per l’ambiente circostante, e quindi la tutela del dipendente, ed una che non lo fa, la maggior parte delle persone preferirà la prima azienda. Impegnando i propri dipendenti in uno sforzo di gruppo per ridurre l’impatto ambientale e la consapevolezza a 360° della loro mansione, è possibile aumentare la concentrazione, la prestazione e quindi il grado di soddisfazione del cliente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *