Antincendio

Antincendio

La qualità della realizzazione di impianti di protezione antincendio è garantita dalle innumerevoli installazioni e dall’addestramento del personale tecnico oltre che dei progettisti.
Considerando la criticità d’intervento di tali dispositivi, la nostra esperienza ci consente di creare soluzioni di protezione antincendio particolarmente efficaci.

Rilevazione Fumi
Per impianto di rilevazione fumi si intende quella serie di componenti in grado di rilevare e segnalare la presenza di un incendio all’interno di un edificio o altra infrastruttura.

Un dispositivo di rilevamento fumi è tipicamente costituito da apparecchiature elettroniche che rilevano la presenza di fumi o di variazioni di calore o di principio di incendio, in base ai fenomeni fisici connessi allo sviluppo dell’incendio.
Questi dispositivi permettono di individuare i principi di incendio e garantiscono un rapido intervento. Tra questi esistono rilevatori di temperatura, rivelatori ottici di fumo o rivelatori a barriera che devono essere scelti in base alle caratteristiche dell’ambiente da proteggere.

Le centraline a microprocessore attuali hanno un elevatissimo grado di programmabilità e affidabilità.
In caso di rilevamento vengono attivate le segnalazioni ottico/acustiche realizzate con sirene a suono differenziato (per preallarme, allarme o allarmi tecnologici) e le segnalazioni in remoto tramite combinatore telefonico e/o ponte radio.

I sistemi possono essere muniti di specifici software di supervisione per il comando e la storicizzazione degli eventi su Personal Computer dedicati.

Rilevazione Gas
Per impianto di rilevazione gas si intende quella serie di componenti in grado di rilevare e segnalare la presenza di una fuga di gas all’interno di un locale.
La rilevazione di una fuga di gas deve essere fatta nel più breve tempo possibile al fine di salvaguardare la salute umana ed attivare le procedure o gli automatismi necessari ad interrompere la fuga stessa.
La conoscenza del comportamento delle diverse sostanze chimiche all’interno dell’ambiente in cui si diffondono permette la realizzazione di impianti di rilevazione gas sofisticati e efficienti.

Sistemi di spegnimento automatico
Un sistema di spegnimento automatico provoca la scarica di un agente estinguente quando si verificano le condizioni di incendio nel locale protetto.

Gli agenti estinguenti utilizzati negli impianti di spegnimento sono i gas inerti (IG-01, IG-100, IG-55, IG-541), gli idrocarburi alogenati (HFC227ea, HFC125, HFC23) e l’anidride carbonica (CO2). Gli agenti estinguenti sono gas “puliti” con effetti nulli sull’ambiente e sui beni protetti. Ogni famiglia di gas agisce sul fuoco con differenti meccanismi di estinzione (raffreddamento, soffocamento, azione chimica,..) ed ha uno specifico campo di applicazione.

Idranti, manichette, naspi e gruppi di spinta
L’idrante è un apparecchio che tramite l’erogazione d’acqua è indispensabile per la lotta contro gli incendi.
L’idrante può essere a muro, soprassuolo o sottosuolo.

L’idrante a muro è composto da cassette munite di portello all’interno delle quali troviamo una valvola collegata alla rete idrica provvista di apposito volantino per l’apertura e la chiusura dell’acqua e da una tubazione flessibile detta “manichetta”

L’idrante a colonna soprassuolo può avere diversi diametri e deve essere corredato da una cassetta contenente una o più tubazioni flessibili (manichette) complete di raccordi, sella di sostegno, lancia erogatrice a tre effetti e chiave di manovra indispensabile all’uso dell’idrante.

L’idrante sottosuolo prevede lo stesso corredo dell’idrante soprassuolo con l’aggiunta di un dispositivo di attacco e manovra (chiave di manovra e collo di cigno).

Il naspo è composto da una cassetta munita di coperchio all’interno della quale si trova una bobina di colore rosso sulla quale è arrotolata una tubazione semirigida, la quale è collegata alla rete idrica da una parte e ad una lancia erogatrice dall’altra.

L’installazione degli idranti o dei naspi è necessaria in tutte le attività soggette a CPI, in cui una specifica normativa lo preveda (ad esempio scuole, alberghi, ospedali, ecc.).

Estintori e porte tagliafuoco
GLI estintori costituiscono il primo mezzo antincendio concepito per l’estinzione di un principio d’incendio.
L’estintore è un mezzo di semplice utilizzo, ma per ottenere le migliori prestazioni è indispensabile che l’utilizzatore conosca le caratteristiche, la tecnica, e i limiti d’impiego derivanti dall’agente estinguente in esso contenuto.